Al Gran Premio d’Italia con il Pecorino Toscano DOP

L’8 settembre abbiamo partecipato al GP d’Italia di Formula 1 con l’Unione Regionale Cuochi Toscani e alcuni Consorzi. Sapevamo che sarebbe stato bello. Non immaginavamo che sarebbe stato indimenticabile

Quando si dice essere al posto giusto, al momento giusto. Domenica 8 settembre all’Eni Circuit di Monza si è corso il Gran Premio d’Italia di Formula 1. Noi c’eravamo, insieme ad altri Consorzi toscani, in virtù dell’accordo stretto con l’Unione Regionale Cuochi Toscani.

Un accordo di cui abbiamo già parlato nel nostro sito, che punta a portare alcune eccellenze agroalimentari toscane negli eventi più rappresentativi, glamour e importanti del nostro Paese. Siamo stati al Festival del Cinema di Venezia e la seconda tappa è stato il mondo della F1 con un occhio particolare alla grande tradizione di Maranello.

Il sogno che diventa realtà. La bella giornata di sport si è trasformata in un momento storico, perché il giovane pilota della Ferrari, Charles Leclerc ha riportato “la rossa” sul gradino più alto del podio, rompendo un digiuno di vittorie che, a Monza, durava da 9 anni.

“Ci speravamo – ha dichiarato il presidente dell’Unione Regionale Cuochi Toscani, Roberto Lodovichi – ma non avremmo mai pensato di essere così fortunati da assistere alla vittoria della Ferrari”. Il successo è arrivato al termine di una corsa perfetta culminata con la festa indimenticabile da parte di tutti i sostenitori del Cavallino.

Fame di vittoria, fame di qualità. Chi era affamato di vittoria, dunque, è stato soddisfatto dalla prestazione magistrale di Leclerc, ma anche chi era in cerca di sapori unici ha trovato  potuto apprezzare il lavoro dei Cuochi Toscani presenti nell’Area Hospitality ACI.

Con un occhio ai fornelli e uno al circuito per vedere l’evolversi della gara, i cuochi toscani hanno cucinato e presentato alcuni dei prodotti di eccellenza toscana. A Monza, oltre al Consorzio del Pecorino Toscano DOP, c’erano anche: il Consorzio Prosciutto Toscano DOP, il Consorzio della Finocchiona IGP, il Consorzio di Tutela del Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale e il Consorzio dell’Olio Toscano IGP.

Abbiamo vissuto una grande esperienza di sport, di lavoro e di vita. L’auspicio è che anche le prossime iniziative possano continuare su questa strada, cercando di raccontare sempre di più e sempre meglio la qualità e l’unicità dei nostri prodotti.

FacebookTwitterShare

Ti potrebbero interessare anche

L’ultimo commento e2 altri commenti devono essere approvati.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.