Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene: al via la candidatura Unesco

Dopo la pizza, l’Italia ha candidato a patrimonio Unesco le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene. L’ufficialità è arrivata con il dossier firmato lo scorso gennaio dal ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina e approvato dalla Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco. Adesso il dossier è sui tavoli parigini, dove sarà esaminato per ottenere l’iscrizione entro luglio 2018.

La candidatura Unesco del Prosecco, fra gli ambasciatori dell’Italia nel mondo, è stata avviata nel 2009 e si fonda sul forte legame tra lavoro umano e tutela dell’ecosistema che caratterizza molti territori italiani, a partire da quello di produzione delle famose bollicine.

Una notizia che fa ben sperare per rafforzare il primato italiano dei siti patrimonio dell’umanità, che comprende già la Dieta Mediterranea, le Colline Langhe, Roero e Monferrato e la Viticoltura di Pantelleria, in attesa della decisione sulla candidatura della pizza, prevista entro dicembre 2017.

Per approfondire: http://www.venetoeconomia.it/2017/01/prosecco-patrimonio-unesco/

FacebookTwitterShare

Ti potrebbero interessare anche