Caseifici aperti per scoprire da vicino il Pecorino Toscano DOP

Prima edizione, sabato 1 giugno, per ‘Caseifici aperti’, l’evento organizzato dal Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP per conoscere da vicino come nasce uno dei prodotti simbolo della Toscana e assistere alle fasi più significative della produzione.

L’appuntamento offrirà la possibilità di visitare uno dei quattro Caseifici che hanno aderito all’iniziativa, in provincia di Firenze, Grosseto e Pisa, e di approfondire l’arte casearia toscana con i maestri casari che ogni giorno producono uno dei formaggi più antichi d’Italia: il Pecorino Toscano DOP. L’iniziativa, organizzata grazie al contributo della Regione Toscana, conterà anche sulla collaborazione degli chef dell’Associazione Regionale Cuochi della Toscana con cooking show e degustazioni di piatti e ricette a base di Pecorino Toscano DOP presso la sede dei Caseifici. L’iniziativa è gratuita e aperta a grandi e bambini.

  • Caseifici aperti: alla scoperta del Pecorino Toscano DOP

L’iniziativa oltre ad accompagnare grandi e piccini alla scoperta della produzione di Pecorino Toscano DOP, nel rispetto di un rituale artigianale antichissimo, permetterà di visitare le celle di stagionatura e assistere alla marchiatura delle forme a inchiostro per il Pecorino fresco e a caldo per quello stagionato. Oggi come ieri il Pecorino Toscano caratterizza la tradizione casearia della Toscana e della zona di origine (Toscana ed alcuni comuni limitrofi di Lazio e Umbria), all’interno della quale si produce il latte, lo si trasforma in formaggio e si porta a fine stagionatura. Il suo sapore unico e delicato racconta una storia antica che va dagli Etruschi ai giorni nostri all’insegna della qualità e del legame strettissimo con il territorio.

  • I Caseifici aperti

Sabato 1° giugno saranno quattro i caseifici coinvolti in tutta la Toscana. In provincia di Grosseto saranno protagonisti dell’evento il Caseificio Follonica, aperto alle ore 9 alle ore 10.30 per gruppi di massimo 15 persone, e il Caseificio Sociale Manciano che, dalle ore 9 alle ore 12, ogni 30 minuti, organizzeranno visite guidate alla lavorazione del Pecorino Toscano DOP per gruppi di massimo 15/20 persone. In provincia di Pisa, in località Acciaiuolo di Fauglia, sarà il Caseificio Busti ad aprire le porte dello stabilimento, dalle ore 9 alle ore 12, ogni 30 minuti per gruppi di massimo 20 persone. In provincia di Firenze, invece sarà la Cooperativa Agricola Il Forteto a fare gli onori di casa con visite guidate alle ore 11.30 e alle ore 12.15 per gruppi di massimo 20 persone.

  • Il coinvolgimento dell’Associazione Regionale Cuochi della Toscana

Grazie alla collaborazione con l’Associazione Regionale Cuochi della Toscana in ognuno dei quattro caseifici sarà organizzato un cooking show con piatti a ricette a base di Pecorino Toscano DOP. Lo Chef Andrea Tassone del Ristoro Dantesco presenterà, presso il Caseificio Busti, la ‘Spuma di Pecorino con cipolla di Certaldo in agrodolce e terra di cacao’. Al Caseificio Sociale Manciano sarà protagonista lo chef patron Matteo Donati del Ristorante Donati di Castiglione della Pescaia con la ‘Fonduta di Pecorino Toscano, fregola, cipolla caramellata e guanciale croccante’. Al Caseificio Follonica ci saranno Paolo Santi, chef del Ristorante Scalo del Granduca di Follonica, e Michele Cocola, gestore dei Ristoranti Il Tiburon e La Bottega a Follonica. I due chef si alterneranno sul palco presentando tre ricette: Cadeaux di Pecorino Toscano DOP fresco, Malloreddus con Pecorino Toscano DOP, pepe e cozze e Chupa Chups di baccalà e Pecorino Toscano DOP con maionese di datterino. Ospite de Il Forteto sarà, invece, la chef Sara Soggiu che presenterà uno Sformatino di cipolle rosse con fonduta di Pecorino Toscano DOP e chips di pane alla maggiorana

  • Come iscriversi all’evento

Per partecipare a Caseifici Aperti e prenotare una delle visite nei Caseifici coinvolti è possibile iscriversi nella sezione dedicata del sito www.pecorinotoscanodop.it.

FacebookTwitterShare

Ti potrebbero interessare anche

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.