Storia, tradizioni e genuinità: oggi Acquacotta in tavola e tv

Semplice e genuina come la tradizione che la lega alla cucina povera e contadina. Oggi parliamo dell’acquacotta, piatto tipico della tradizione toscana, e in particolare della zona della Maremma…

L’acquacotta è una zuppa fatta con acqua, verdure, uova e l’aggiunta di Pecorino Toscano DOP, ideale da gustare sia calda che fredda. Le sue origini affondano nella storia della Toscana, della pastorizia e della transumanza e la rendono uno dei piatti più tradizionali della cucina regionale. Nonostante le varianti proposte negli anni, la ricetta ha saputo mantenere invariate la sua semplicità e genuinità e spesso quella originaria va per la maggiore.

  • Pochi ingredienti per un piatto che profuma di buono

La versione più diffusa, e originaria, unisce acqua, cipolla, pomodoro, olio extra vergine di oliva, sedano, carote, basilico, pane toscano raffermo e abbrustolito, un uovo e Pecorino Toscano DOP grattugiato e potete scoprirla anche sul nostro sito, cliccando qui.

Con questi ingredienti, uniti alla tradizione e alla storia che si porta dietro, l’acquacotta ha aperto il tris di ricette che vede protagonista il nostro formaggio sugli schermi di Rete4, all’interno della trasmissione “Ricette all’Italiana”.

  • Il Pecorino Toscano DOP si fa in tre nelle “Ricette all’italiana”

Il primo appuntamento sugli schermi di Rete 4 è dedicato all’acquacotta e alla conoscenza della produzione del Pecorino Toscano DOP, nelle diverse fasi di lavorazione, in compagnia di Luca Ginanneschi, della Cooperativa Agricola Il Forteto. Il secondo appuntamento è con i muffins alle erbe aromatiche e Pecorino Toscano DOP, per poi conoscere con Alice Cappucci, dell’Università di Pisa, gli studi sul miglioramento continuo del latte portati avanti dal Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP insieme alle Università di Pisa e Firenze e alla Scuola superiore Sant’Anna di Pisa. Il terzo e ultimo appuntamento vede protagonista il tortino di funghi, patate e Pecorino Toscano DOP e Daniele Corti, del Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP, su come riconoscere il Pecorino Toscano DOP.

Presto vi aggiorneremo anche con i servizi andati in onda. Stay tuned con il Pecorino Toscano DOP e il suo sapore unico e delicato.

FacebookTwitterShare

Ti potrebbero interessare anche

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.