Le IGP italiane accolgono due nuove certificazioni

vitelloni IGP

Il mondo delle IGP italiane dà il benvenuto ai Vitelloni Piemontesi della Coscia IGP e all’Olio Evo delle Marche IGP. Le due nuove certificazioni, riconosciute dallo scorso anno, portano il numero delle denominazioni d’origine agroalimentari italiane a quota 293, tra DOP e IGP.

Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, la denominazione dei Vitelloni Piemontesi della Coscia IGP, numero 125 del comparto Food delle IGP, designa le carni ottenute dalla macellazione di bovini maschi e femmine di razza piemontese iscritti al relativo Libro Genealogico, di età superiore a 12 mesi, allevati e ingrassati (fino alla macellazione) nella zona di produzione. L’Olio Evo IGP delle Marche, invece, è caratterizzato dal colore giallo/verde e dal sapore fruttato, a metà tra l’amaro e il piccante. La produzione rientra tra 12 varietà di olive, di cui 10 autoctone, quali Ascolana tenera, Carboncella, Coroncina, Mignola, Orbetana, Piantone di Falerone, Piantone di Mogliano, Raggia/Raggiola, Rosciola dei Colli Esini e Sargano di Fermo.

Per conoscere meglio le due nuove IGP, Vitelloni Piemontesi della Coscia IGP e Olio Evo delle Marche IGP 

(Fonte: www.qualivita.it)

FacebookTwitterShare

Ti potrebbero interessare anche

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.