Il Saggiatore ristampa un classico dello studioso forlivese

Piero Camporesi è stato un filologo, storico e antropologo. Nella sua attività di ricercatore ha battuto per tanti anni la strade per comprendere meglio gli usi e le tradizioni legate al cibo, tando da dedicare una trilogia ai “liquidi vitali“.

Si comincia “Il sugo della vita“, un’indagine sul simbolismi e la magia del sangue per poi proseguire con la ricerca de “Il brodo indiano“, alias ciocciolato. Ultimo tassello di quest’appassionante percorso è “Le vie del latte“, ristampato da poco per Il Saggiatore. Si tratta di un viaggio che “parte dalla Pianura Padana – come si legge sul sito della casa editrice – ed estende il suo sguardo alle gelide lande scandinave, alle steppe tartare, all’India dei Veda, alla ricerca della ‘bianca linea della vita‘ che, di madre in figlio, attraversa culture ed epoche e costituisce l’anello indispensabile della trasmissione e della continuità dell’esistere”.

“Il latte – sottolinea l’autore nato a Forlì e scomparso a Bologna nel 1997 – è un alimento vivente e vitale, è è linfa preziosa della pianta uomo, variante metaforica del sangue, atto a nutrire sia le menti dei sapienti come Pitagora, sia a innalzare i corpi ipertrofici dei Ciclopi, grandi consumatori di latticini e formidabili bevitori di latte oltreché di vino, secondo la tradizione classica che vuole i due gloriosi liquidi armonizzarsi e completarsi in equilibrato e positivo connubio”.

Una lettura consigliatissima per tutti gli amanti del cibo e del ruolo fondamentale che questo riveste nella cultura e nella storia degli uomini.

Photo by Sam Carter on Unsplash
Photo by ROBIN WORRALL on Unsplash
Photo by Il Saggiatore

FacebookTwitterShare

Ti potrebbero interessare anche

L’ultimo commento deve essere approvato.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.