Covid 19, le fiere del food non alzano bandiera bianca

Slittano molte date delle fiere del food, ma nessuno vuole mollare. Ecco le nuove date di alcuni degli eventi più importanti

Lo tsunami Coronavirus che ha travolto prima la Cina, poi l’Europa e infine l’intero pianeta sta avendo inevitabili conseguenze sui mercati di tutto il mondo. Tra le prime ad aver subito gli effetti del Covid-19 sono state le grandi fiere internazionali che rappresentano un po’ le vetrine globali dei più svariati settori produttivi. In una situazione di incertezza e di emergenza sanitaria era inevitabile che venissero a mancare le condizioni per poter effettuare questi grandi appuntamenti di incontro e di scambio.

  • Non si molla, prove tecniche di riorganizzazione

La buona notizia è che nessuno sembra voler alzare bandiera bianca, così che, al momento, si parla soprattutto di rinvii e di nuove date. Un segnale importante che, naturalmente, dovrà fare i conti con uno scenario ancora in via di evoluzione, mettendo al primo posto la salute e la sicurezza di tutti.

Andiamo a vedere, quindi, le nuove date ipotizzate per le fiere del food, tenendo sempre in considerazione il fatto che l’evolversi della crisi potrebbe ulteriormente cambiare le carte in tavola. Si naviga a vista, insomma, ma l’importante è continuare a navigare, per quanto in acque burrascose.

  • Le nuove date in Italia

Cominciamo rimanendo in zona: il Taste di Firenze, in programma dal 7 al 9 marzo, è stato inizialmente posticipato dal 5 al 9 giugno, per poi slittare al 2021, dal 13 al 15 marzo. Al di là degli Appennini, a Parma, il Cibus proverà a rimanere nel 2020, dal 1 al 4 settembre, slittando da quella che era la data iniziale, dall’11 al 14 maggio. Nessun cambiamento per Tuttofood Milano, invece, che, vista la cadenza biennale, dovrebbe svolgersi nella data prevista, dal 17 al 20 maggio 2021. Sana Bologna, la fiera internazionale del biologico e del naturale, è in programma dal 3 al 6 settembre prossimi. Slitta al 2021, invece B2Cheese, la fiera internazionale lattiero – casearia.

  • Le nuove date nel mondo

A livello internazionale, uno dei primi appuntamenti a ‘saltare’ è stato il Foodex di Tokyo, che sarebbe stato in programma dal 10 al 13 marzo, ma è stato posticipato dal 9 al 12 marzo 2021. Cancellato il Summer Fancy Food di New York, che sta studiando format alternativi, mentre per la tedesca Anuga restano confermate le date dal 9 al 13 ottobre a Colonia. Anche l’International food fair di Varsavia ha optato per una nuova data, fissando l’evento dal 22 al 24 settembre 2020.

  • Tenere accesa la speranza, giorno dopo giorno

Abbiamo fatto questa breve carrellata di alcune delle più importanti fiere nazionali e internazionali, ma è fondamentale, lo ripetiamo, monitorare l’evoluzione degli eventi. Tutto sommato è anche questo un modo per tenere viva la speranza e l’attenzione su un mondo, quello del food, che sta facendo la sua parte per affrontare e superare questa fase così delicata e difficile della nostra storia.

FacebookTwitterShare

Ti potrebbero interessare anche

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.