Borghi gourmet in Italia: Dop e Igp regine del gusto

cibo

‘Piccoli comuni e tipicità’ è la mappa gourmet presentata da Coldiretti per tracciare i sentieri che portano ai tesori gastronomici nascosti in oltre 5 mila borghi d’Italia

Primo passo: conoscere cosa mangiamo in Italia e dove mangiarlo, soprattutto nel 2018, anno nazionale del cibo italiano nel mondo. Se non sapete da quale piatto tipico iniziare, vi consigliamo di leggere la ricerca presentata da Coldiretti, che raccoglie la storia enogastronomica di 5.567 borghi d’Italia. e tra una storia gustosa e l’altra, scoprirete anche le bellezze di una terra ricca di tesori, dai paesaggi unici alle attrazioni culturali e artistiche che fanno ‘tanta gola’ agli stranieri a caccia di tesori.

mercato della frutta e qualità italiana in Toscana con prodotti certificati dop e igp

  • Guida al buongusto DOP e Igp

La ricerca di Coldiretti punta a far conoscere le specialità territoriali conservate da generazioni negli angoli più remoti del Paese, fuori dai tradizionali circuiti turistici. Sul podio del gusto troviamo la Sicilia, che conquista il primo posto tra le regioni del Sud con il maggior numero di prodotti Dop e Igp. Prodotti che, in 8 casi su 10, nascono sul territorio dei piccoli comuni. A dirlo è lo studio “Piccoli comuni e tipicità”, presentato da Coldiretti e Symbola lo scorso gennaio, dove vengono analizzate 206 realtà siciliane sotto i cinquemila abitanti che, nella regione, rappresentano una rete diffusa di oltre il 33% del territorio che ancora custodisce valori e tradizioni come quelli del cibo e dei prodotti tipici. Nelle zone terremotate nella mappa spiccano poi il Comune di Montelupone, in provincia di Macerata, con 3.584 abitanti. È questa la patria del carciofo viola noto anche come lo ‘scarciofeno’, mentre nel Comune di Campotosto, nell’aquilano, si produce l’omonima mortadella, tra i salumi più imitati d’Italia, nota come ‘coglioni di mulo’.

formaggi e pecorino toscano dop

  • I piccoli comuni tesori del gusto

I veri custodi del gusto sono i piccoli comuni, che rappresentano un’opportunità unica per far conoscere il paniere di specialità culinarie di cui sono ricche queste terre. Tra le specialità potremmo inserire anche i formaggi della Toscana, in particolare quelli che prendono vita nel cuore della Maremma, come il Pecorino Toscano DOP. Da piccole frazioni come Roccalbegna, in provincia di Grosseto, al borgo di Sorano e alle zone meno popolate della Val d’Orcia, il ventaglio di prodotti è ricco e variegato. Per non parlare del gusto: quello unico di una terra inimitabile e da sempre fuori dal gregge.

pecorino toscano dop

Vuoi provare il Pecorino Toscano DOP e scoprire i piatti della tradizione?

Sul sito del Pecorino Toscano DOP trovi le caratteristiche del nostro formaggio e tante ricette che ricordano tutto il gusto della tradizione toscana

FacebookTwitterShare

Ti potrebbero interessare anche

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.