Le Terre del Pecorino Toscano DOP

Maffei-Renato il-temporaleIl nostro formaggio affonda le sue radici nella storia e nel profondo legame tra ambiente, pecore e pastori. In Toscana la pastorizia, una delle forme più antiche di allevamento e di presidio del territorio, ha radici secolari che si traducono in una tradizione casearia che si tramanda di generazione in generazione e in un formaggio considerato tra le migliori eccellenze italiane. Il nostro pecorino è sinonimo di storia rurale e di una comunità che, in solitudine, su terre marginali e difficili, dalle montagne dell’Appenino ai calanchi delle Crete in Val d’Orcia fino alle distese selvagge della Maremma, hanno pascolato nei secoli grandi greggi di pecore.

A dare unicità al Pecorino Toscano DOP è lo strettissimo legame tra ambiente geografico, caratteristiche del latte da trasformare e metodi di produzione che uniscono artigianalità e innovazione. Le caratteristiche della terra in cui pascolano le nostre pecore danno al latte quel gusto dolce, delicato ed equilibrato che rende unico il Pecorino Toscano DOP un formaggio ‘fuori dal gregge’.

La Terra di origine

Dall’allevamento delle pecore alla mungitura, passando dalla produzione fino alla stagionatura. Tutto deve avvenire, come stabilisce il Disciplinare di produzione del Pecorino Toscano DOP, nella zona di origine, che comprende tutta la Toscana, i Comuni di Allerona e Castiglione del Lago in Umbria e quelli di Acquapendente, Onano, San Lorenzo Nuovo, Grotte di Castro, Gradoli, Valentano, Farnese, Ischia di Castro, Montefiascone, Bolsena e Capodimonte nel Lazio. Le diverse condizioni climatiche e le tradizioni casearie di ciascun territorio, pur nel rigoroso rispetto delle linee guida previste dal Disciplinare di produzione, regalano al Pecorino Toscano DOP varietà e sfumature di gusti e aromi che lo rendono ancora di più un formaggio ‘fuori dal gregge’.